Tina Pica

(Napoli, 31 marzo 1884 - Napoli, 15 agosto 1967)

 

Nasce in un quartiere di Napoli da Giuseppe Pica, attore capocomico, il suo vero nome era Concetta Annunziata Pica. Fin da Bambina, la piccola Tina cominciò a lavorare come attrice insieme ai genitori in una compagnia teatrale. Riesce a lavorare in alcuni teatri napoletani, dopo tanta gavetta riesce a fondare una propria compagnia teatrale il Teatro Italia. Negli anni trenta conosce Eduardo De Filippo, iniziando così una lunga collaborazione artistica che la vedrà partecipe in tante commedie teatrali di Eduardo. Tina nel 1916 inizia a lavorare per il cinema con Elvira Notari, a seguire Mario Camerini, Gero Zambuto, Totò. Memorabile il ruolo  di Caramella in Pane amore e fantasia, Pane amore e gelosia, Pane amore e ruolo che gli permise di vincere il Nastro D’Argento come migliore attrice non protagonista. Nella vita privata Tina non fu fortuna si sposò due rimanendo vedova solo dopo due mesi di matrimonio, dopo due anni gli morì la bambina. Conobbe un appuntato della polizia municipale e così decise di risposarsi. Tina Pica muore all’età 84 in casa della nipote. 

 

  

Filmografia

 

1916

Carmela, la sartina di Montesanto, regia di Elvira Notari 

Ciccio, il piazzaiuolo del Carmine, regia di Elvira Notari 

 

1934

 Il Cappello a tre punte, regia di Mario Camerini

 

1937

Fermo con le mani, regia di Gero Zambuto

 

1938

 L’ha fatto una signora, regia di Mario Mattoli 

 

1939

 Il marchese di Ruvolito, regia di Raffaello Matarazzo 

 

1947

Sperduti nel buio, regia di Camillo Mastrocinque 

 

1948

Proibito rubare, regia di Luigi Comencini 

 

1950 

Il voto, regia di Mario Bonnard 

 

1951

 Porca Miseria!, regia di Giorgio Bianchi 

 

1951 

Destino, regia Enzo Di Gianni 

Fiamme sulla laguna, regia di Giuseppe Maria Scotese 

Filumena Marturano, regia di Eduardo De Filippo 

 

1952

 Marito e moglie, regia di Eduardo De Filippo

 Ergastolo, regia di Luigi Capuano 

 Rimorso, regia di Armando Grottini

Inganno, regia di Guido Brignone 

Città canora, regia di Mario Costa

Processo alla città, regia di Luigi Zampa 

 

1953

Pane, amore e fantasia, regia di Luigi Comencini

 

1954

Carosello Napoletano, regia di Ettore Giannini

Cuore di mamma, regia di Luigi Capuano 

Graziella, regia di Giorgio Bianchi

L’oro di Napoli, regia di Vittorio De Sica  

Napoli è sempre Napoli, regia di Armando Fizzarotti 

Pane amore e gelosia, regia di Luigi Comencini

Ballata tragica, regia di Luigi Capuano

 

1955

Le signorine dello 04, regia di Gianni Franciolini 

Due soldi di Felicità, regia di Roberto Amoroso 

Totò e Carolina, regia di Mario Monicelli

Da qui all’eredità, regia di Mario Monicelli 

Il Segno di Venere, regia di Dino Risi 

Buonanotte… Avvocato!, regia di Giorgio Bianchi 

Destinazione Piovarolo, regia diDomenico Paolella 

Un eroe dei nostri tempi, regia di Mario Monicelli

La moglie è uguale per tutti, regia di Giorgio Simonelli

Io piaccio, regia di Giorgio Bianchi

Pane amore e… regia di Dino Risi

Un po' di cielo, regia di Giorgio Moser

 

1956

Una pelliccia di Visone, regia di Glauco Pellegrini

Ci sposeremo a Capri, regia di Siro Marcellini

Arriva la zia d’America, regia di Roberto Bianchi Montero

Guaglione, regia di Giorgio Simonelli 

 

1957

 

La nonna Sabella, regia di Dino Risi

Lazzarella, regia di Carlo Ludovico Bragaglia

Il conte Max, regia di Giorgio Bianchi

Era di venerdì 17, regia di Mario Soldati

Non sono più guaglione, regia di Domenico Paolella

 

1958

 La nipote Sabella, regia di Dino Risi

 La zia d’America va a sciare, regia di Roberto Bianchi Montero

 Napoli sole mio!, regia di Giorgio Simonelli 

 Io, mammeta e tu, regia di Carlo Ludovico Bragaglia 

 Mia nonna poliziotto, regia di Steno 

 

1959

 La duchessa di Santa Lucia, regia di Roberto Bianchi Montero

 Fantasmi e Ladri, regia di Giorgio Simonelli

 La sceriffa, regia di Roberto Bianchi Montero

La pica sul Pacifico, regia di Roberto Bianchi Montero

 Non perdiamo la testa, regia di Mario Mattoli