George Orson Welles

(Kenosha, 6 maggio 1915 – Los Angeles 10 ottobre 1985)

 

  

Orson figlio di Beatrice Ives, pianista e di Richard Welles proprietario di fabbrica di furgoni.

Fin da piccolo fu avviato alle più svariate forme artistiche e veniva trattato in famiglia come un ragazzo prodigio, inizia a suonare il pianoforte e si dedica alla pittura. Welles fece la sua prima apparizione teatrale a soli tre anni nel Sansone e Dalila rappresentato all’Opera di Chicago.

Nel 1919 i suoi genitori si separano e Orson segue la madre a Chicago dove inizia a frequentare ambienti artistici e intellettuali. Il 10 maggio del 1924 Beatrice Welles muore ed Orson va a vivere con il padre. Il dottor Maurice Bernstein, amico di famiglia dei Welles indirizza il ragazzo per la via artista regalandogli una lanterna magica, una scatola di colori, un teatrino di marionette con i  quali Orson inizia a cimentarsi in scena tutti suoi, fornendo di volta in volta la voce a tutti i personaggi. A dieci anni a scuola di dedica alle rappresentazioni studentesche e dirige ed il interpreta il suo primo spettacolo a Camp Indianola, Il Dottor, Jekyll e Mr. Hyde. Nel 1930 muore il padre e Orson passa sotto la tutela del dottor Bernstein. Terminati gli studi alla Todd School chiede il permesso al dottor Bernstein di partire per l’Irlanda per un giro artistico, spostandosi con un carretto trainato da un asino, che usava anche per tetto per tutta la notte. Arrivato a Dublino esaurì le sue finanze.

 

Orson scrive: 

 

«Quando arrivai a Dublino dovetti vendere l’asino all’asta, ed anche me stesso. Penso che avrei potuto trovare un onesto lavoro come giardiniere o lavapiatti: purtroppo diventai attore»

 

Welles decide di tentare la strada del teatro presentandosi al direttore Gate Theatre di Dubblino presentandosi come un grande attore newyorkese, è ottiene un ingaggio fra gli attori principali. Nel 1933 decide si trasferirsi a Londra per lavorare presso L’Abbey Theatre Welles ma gli fu rifiutato il permesso di lavoro, e fu costretto a rientrare negli Stati Uniti, dove realizza spettacoli presso la Todd School, collaborando con Roger Hill alla stesura di una serie di saggi su Shakespeare. Nel 1934 sposa l’ereditiera Virginia Nicolson dalla quale avrà una figlia, che chiamerà  Christopher, nello stesso periodo gira un cortometraggio alla Todd School, nel quale interpreta la figura della morte e a cui partecipa anche al moglie Virginia nel ruolo di un’anziana gentildonna. Orson si trasferisce a New York è debutta a Broadway nel ruolo di Tibaldo in Romeo e Giulietta nella Compagnia di Katherine Cornell. Realizza il Voodoo Macbeth, la versione più rivoluzionaria del Macbeth; l’azione venne trasferita in Scozia ad Haiti in cui le tre streghe vennero sostituite con 40 stregoni, altra particolarità il cast era formato interamente da attori di colore, scelta da Orson Welles nelle strade di Harlem. Orson Welles  e Houseman fondano una propria compagnia teatrale il Mercury Theatre con l’intento di mettere in scene opere classiche e moderne. Nel 1938 la Mercury Theatre e Orson Welles diventano una presenza quotidiana nelle trasmissioni radiofoniche della CBS con il programma Mercury Theatre, Welles propone interpretazioni classiche audio di classici teatrali e letterari. Memorabile la trasmissione del 30 ottobre 1938 durante Orson Welles interpreta un adattamento radiofonico scritto da Howard E.Koch, La guerra dei mondi, il programma scatenò il panico in gran parte degli Stati Uniti, poiché molti ascoltatori credettero che la terra stava subendo un attacco alieno. Orson sapeva che la CBS trasmetteva su frequenze vicine alla NBC dove andava in onda un programma del comico  e ventriloquo Edgar  Bergen, sapeva che Bergn in un momento ben preciso della sua trasmissione, mandava in onda uno stacco musicale durante il quale il pubblico cambiava stazione e proprio in quel momento Welles fece iniziare l’attacco alieno, una scelta efficace. Secondo la testimonianza dei collaboratori tra cui l’assistente personale Alland e l’excutive della CBS Davison Taylor piombò in camera di registrazione dopo 15 minuti gridando a Welles: “ Per Dio interrompi questo coso!, Là fuori la gente è impazzita! ”Orson rispose al direttore generale della CBS Payle (giunto in radio in ciabatte e accappatoio) che gli intimava di interrompere la trasmissione : “ Interrompere? Perchè? Devono avere paura,mi lasci continuare ”. Credendo che gli eventi descritti nella trasmissione fossero veri, gli ascoltatori del programma furono presi dal panico,senza capire che si trattava in realtà di un semplice programma radiofonico. Il suo debutto cinematografico inizia con il film Quarto Potere.

 

Quarto potere

 

«Quarto potere racconta la storia dell’inchiesta fatta da un giornalista di nome Thompson per scoprire il senso delle ultime parole di Charles Foster Kane. Poichè il suo parere è che le ultime parole di un uomo devono spiegare la sua vita. Forse è vero. Lui non capirà mai cosa Kane volesse dire, ma il pubblico, invece lo capisce. La sua inchiesta lo porta da cinque persone che conoscevano bene Kane, che lo amavano e lo odiavano. Gli raccontano cinque storie diverse, ognuna delle quali molto parziale, in modo che la verità su Kane possa essere dedotta soltanto – come d’altronde ogni verità su un individuo. Secondo alcuni Kane amava soltanto sua madre, secondo altri amava solo il suo giornale, solo la sua seconda moglie, solo se stesso. Forse amava tutte queste cose, forse non ne amava nessuna. Il pubblico è l'unico giudice. Kane era insieme egoista e disinteressato, contemporaneamente un idealista e un imbroglione, un uomo grandissimo e un uomo mediocre. Tutto dipende da chi ne parla. Non viene mai visto attraverso l'occhio obiettivo di un autore. Lo scopo del film risiede, d'altra parte, nel proporre un problema piuttosto che risolverlo. »

 

(Orson Welles )

 

Le riprese di Quarto potere e la sceneggiatura richiese tre mesi di lavoro, le riprese iniziarono il 30 luglio 1940 per poi montarlo il 23 ottobre dello stesso anno. La data di uscita del film fu rimandata più volte tanto che Welles minacciò la RKO per inadempienza contrattuale per questo ritardo. 

 

Orson Welles muore per un arresto cardiaco il 10 ottobre 1985 a Hollywood. 

 

 

Filmografia

 

Quarto potere 

 

L’orologio degli Amberson 

 

Lo straniero 

 

La signora di Shanghai 

 

Macbeth 

 

Rapporto infernale  

 

Falstaff  

 

Storia immortale 

 

F come Falso 

 

Terrore sul Mare Nero

 

La porta Proibita

 

Conta solo l’avvenire

 

Lo straniero

 

Cagliostro

 

Il terzo Uomo

 

Il principe delle volpi

 

La rosa nera

 

Il tiranno di Glen 

 

Ti Processo

 

Storia immortale

 

Il Castello di Carte

 

Tepepa

 

Lettera al Kremilino

 

Dieci incredibili giorni

 

Otello

 

David e Golia

 

Il Re dei Re

 

La lunga estate calda

 

L’infernale Quinian

 

Le radici del cielo

 

Frenesia del delitto 

 

Rapporto confidenziale

 

Moby Dick

 

I tatari

 

International Hotel

 

James Bond 007 – Casino Royale 

 

Duello al Sole

 

L’uomo la bestia e la virtù

 

Ro.Go.Pa.G.

 

 

Radio

 

I Miserabili in diverse puntate 

 

The Mercury Theatre on the Air

 

Dracula

 

L’isola del tesoro

 

A Tale of Two Cities

 

The 39 Steps

 

I a Fool / Open Window / My Little Boy 

 

Abraham Lincoln

 

The Affairs of Anatole

 

Il conte di Montecristo

 

The Man Who Was

 

Giulio Cesare

 

Jane Eyre

 

Sherlock Holmes

 

Oliver Twist

 

Hell on Ice

 

Seventeen

 

Il giro del mondo in 80 giorni

 

La guerra dei mondi

 

Heart of Darkness

 

A Passager to Bali

 

Clarence

 

The Bridge at San Luis Rey

 

The Campbell Playhouse (19638 - 40) 

 

Rebecca (9 dicembre 1968)

 

A Christams Carol (23 dicembre 1938)

 

Counselor – at Low ( 6 gennaio 1939)

 

L’ammutinamento del Bounty (13 gennaio 1939)

 

I Lost My Girlsh Laughter ( 27 gennaio 1939)

 

Arrowsmith (3 febbraio 1939)

 

The Green Goddes (10 febbraio 1939)

 

The Glass Key (10 marzo 1939)

 

Beau Geste (17 marzo 1939)

 

Showboat (31 marzo 1939)

 

The Patriot ( 14 aprile 1939)

 

Private Lives (21 aprile 1939)

 

Wickford Point (5 maggio 1939)

 

Our Town (12 maggio 1939)

 

Things We Have (26 maggio 1939

 

Victoria Regina (2 giugno 1939)

 

Peter Ibbestson (10 settembre 1939)

 

Ah, Wilderness (17 settembre 1939) 

 

What Every Woman Knows ( 24 settembre 1939)

 

Il conte di Montecristo ( 1 ottobre 1939)

 

Algeri (8 ottobre 1939)

 

Escape (15 ottobre 1939)

 

Liliom (22 ottobre 1939)

 

L’orologio degli Amberson (29 ottobre 1939)

 

The Hurricane (5 novembre 1939)

 

The Murder of Roger Ackroyd (12 novembre 1939)

 

The Garden of Allah (19 novembre 1939)

 

Dodsworth (26 novembre 1939)

 

Venessa (10 dicembre 1939)

 

There’s Always a Woman (17 dicembre 1939)

 

A Christmas Carol (24 dicembre 1939)

 

Vanity Fair (7 gennaio 1940)

 

Theodora Goes Wild (14 gennaio 1940) 

 

The Citadel (21 gennaio 1940)

 

It Happened One Night (28 gennaio 1940) 

 

Mr. Deeds Goes to Town (11 febbraio 1940) 

 

Dinner at Eight (18 febbraio 1940)

 

Only Angels Have Wings (25 febbraio 1940)

 

Rabbie in Arms (3 marzo 1940)

 

Craigs’s Wife (10 marzo 1940)

 

Huckleberry Finn (17 marzo 1940)

 

June Moon (24 marzo 1940) 

 

 

Teatrografia/regia

 

Gate Theatre di Dublino (1931 – 1934 )

 

The Lady from the Sea, di Henrik Ibsen

 

Le tre sorelle, di Anton Cechov

 

Alice in the wonderland USA

 

 

Tood School, Woodstock ( 1934 – 1936)

 

Tribly, di Gerald Du Maurier

 

The drunkard, di Mr. Smith di Boston

 

Amleto, di William Shakespeare

 

Czar Paul di Dimitri Merejeswskij 

 

 

Pre Mercury Theatre (1936 -37 )

 

William Shakespeare, Macbeth, Lafayette Theatre -New York 

 

Horse Eats Hat da Eugène Labiche, Un Chapeau de pallile d’Italie -  Maxine Elliott Theatre, New York 

 

Christopher Marlowe, Doctor Faustus – Maxine Elliott Theatre, New York 

 

Aaron Copland, The Second Hurricane – Henry Street Palyhouse, New York 

 

 

E’ stato doppiato da: 

 

Emilio Cigoli in Quarto potere, l’Orgoglio degli Amberson, Terrore sul Mar Nero, La porta proibita,Conta solo l’avvenire,Lo straniero, La signora di Shanghai, Cagliostro, Il Terzo uomo, Il principe delle volpi, La rosa nera, Il tiranno di Glen, Il processo, Storia immortale

 

Corrado Gaipa in Falstaff, Il castello di carte, Tepepa, Lettera al Kremilino, Dieci incredibili giorni, L’orologio degli Amberson (ridoppiaggio) 

 

Gino Cervi in Macbeth, Otello, David e Golia, Il re dei re

 

Gino Capecchi in La lunga estate calda, L’infernael Quinian, Le radici del cielo, Frenesia del delitto 

 

Renato Turi in Rapporto Confidenziale, Moby Dick, I Tartari 

 

Carlo Romano in International Hotel,James Bond 007 – Casino Royale 

 

Aldo Silvani in Duello al sole 

 

Giorgio Bassani in Ro.Go.Pa.G. 

 

Mario Besesti in L’uomo la bestia e la virtù

 

Mario Bardella in Una su 13

 

Roberto Villa in Terrore sul Mar Nero 

 

Carlo Baccarini in L’infernale Quintan