Toth Banca Dati  -  Cinema


 

Oreste Biancoli

(Bologna 1897 – Roma 1971)

 

 

I genitori  Conte Carlo e da Matilde Badia. Dopo la maturità classica, si iscrisse a giurisprudenza, che dovette interrompere perché chiamato sotto le armi, ma nel 1918 riprese gli studi e tre anni più tardi si laurea. Si occupa di giornalismo, collaborando con Il resto del carlino e Il Secolo di Milano. Firma articoli e filmati con gli pseudonimi di Silvio d’Arena e Hobby, e scrive la sua prima opera teatrale L’uomo di Birzulah, insieme a Falconi, l’opera che è rappresentata a Milano, dalla compagnia Almirante-Tofano nel 1926. Sempre con Falconi, nel 1927, conduce la rubrica radiofonica Facciamo due chiacchiere, e l’anno dopo lascia il lavoro di giornalista per dedicarsi al teatro.  Nel 1937 gira la sua prima pellicola, Stasera alle undici, di cui è anche autore; l’attività di regista si conclude nei primi anni cinquanta, col film Penne nere, ma continua quella di sceneggiatore. È autore di numerose commedie e varietà teatrali, insieme a Dino Falconi, e nel dopoguerra si occuperà di satira politica. Biancoli è sceneggiatore del film Ladri di biciclettaMuore a Roma  nel 1971

 

 

Filmografia

 

Il richiamo del cuore, sceneggiatura, di Jack Salvatori, 1930 

La segretaria privata, sceneggiatura, di Goffredo Alessandrini

Cercasi modella, sceneggiatura, di Emmerich Wojtec Emo, 1932

L’ultima avventura, soggetto, di Mario Camerini, 1932

La segretaria per tutti, soggetto, di Amleto Palermi, 1933

Oggi sposi, soggetto, di Guido Brignone, 1933

Sette giorni cento lire, soggetto, di Nunzio Malasomma, 1933

Una notte con te, sceneggiatura, di Ferruccio Biancini, 1933 

Lisetta, sceneggiatura, di Carl Boese, 1933

Cavalleria, soggetto e sceneggiatura, di Goffredo Alessandrini, 1936

Nozze vagabonde, soggetto, di Guido Brignone, 1936

Nina, non far la stupida, sceneggiatura, di Nunzio Malasomma, 1937 

Stasera alle undici, soggetto e regia, 1937

Ai vostri ordini, signora, sceneggiatura, di Mario Mattoli, 1938 

Amicizia, 1938

La mazurka di papà, soggetto e regia, 1938

Mille lire al mese, soggetto, di Max Neufeld, 1938

L’eredità in corsa, sceneggiatura e regia, 1939

Frenesia, soggetto e sceneggiatura, di Mario Bonnard, 1939

La gerla di papà Martin, sceneggiatura, di Mario Bonnard, 1940 

Piccolo alpino, sceneggiatura e regia, 1940

Il chiromante, sceneggiatura e regia, 1941

Il sogno di tutti, soggetto, sceneggiatura e regia 1941

il vagabondo, sceneggiatura, di Carlo Borghesio, 1941 

Giarabub, sceneggiatura, di Goffredo Alessandrini, 1942 

Noi vivi, sceneggiatura, di Goffredo Alessandrini, 1942

Sant’Elena, piccola isola, sceneggiatura, di Renato Simoni, 1943 

Il bandito, sceneggiatura, di Alberto Lattuada, 1946 

Sinfonia fatale, sceneggiatura, di Victor Stoloff, 1946

Teheran, sceneggiatura, di William Freshman e Giacomo Gentilomo, 1946 

Cuore, sceneggiatura, di Duilio Coletti, 1947

Ladri di biciclette, sceneggiatura, di Vittoria De Sica, 1948 

Cuore sul mare, sceneggiatura, di Giorgio Bianchi, 1949

La fiamma che non si spegne, sceneggiatura, di Vittorio Cottafavi ,1949 

Vespro siciliano sceneggiatura, di Giorgio Pàstina, 1949

Il caimano del Piave, soggetto e sceneggiatura, di Giorgio Bianchi,    1950 

Domani è un altro giorno, sceneggiatura, di Léonide Moguy, 1951

Altri tempi – Zibaldone n. 1, sceneggiatura, di Alessandro Blasetti, 1951

Art. 519 codice penale, sceneggiatura, di Leonardo Cortese, 1952

Canzoni di mezzo secolo, sceneggiatura, di Domenico Paolella, 1952

Don Camillo, sceneggiatura, di Julien Duvivier, 1952

Penne nere, sceneggiatura, soggetto e regia, 1952

La voce del silenzio, sceneggiatura, di Georg Wilhelm Pabst, 1952 

Wanda, la peccatrice, sceneggiatura, di Duilio Coletti, 1952 

Amori di mezzo secolo, sceneggiatura, di Antonio Pietrangeli, 1953 

Gran varietà, sceneggiatura, di Domenico Paolella, 1953

Scampolo ’53, sceneggiatura, di Giorgio Bianchi, 1953

Cento anni d’amore, soggetto e sceneggiatura ep. Amore ’54, di Lionello De Felice, 1954

Divisione folgore, sceneggiatura, di Duilio Coletti, 1954 

Una donna libera, sceneggiatura, di Vittorio Cottafavi, 1954

Il cardinale Lambertini, sceneggiatura, di Giorgio Pàstina, 1954 

La grande speranza, sceneggiatura, di Duilio Coletti, 1954

La schiava del peccato, soggetto, di Raffaello Matarazzo, 1954 

Una parigina a Roma, soggetto, di Erich Kobler, 1954

Rosso e nero, soggetto e sceneggiatura, di Domenico Paolella, 1954

Nel gorgo del peccato, soggetto e sceneggiatura, di Vittorio Cottafavi, 1954 

Canzoni di tutta Italia, sceneggiatura, di Domenico Paolella, 1955

Gli amanti del deserto, sceneggiatura, di Flavio Calzavara, 1956 

Occhi senza luce, sceneggiatura, di Flavio Calzavara, 1956

La canzone del destino, soggetto e sceneggiatura, di Marino Girolami, 1957 

La verde età, sceneggiatura, di Bruno Jori, 1957

Domenica è sempre domenica, soggetto e sceneggiatura, di Camillo Mastrocinque, 1958

Non sono più guaglione, sceneggiatura, di Domenico Paolella, 1958

Gastone, sceneggiatura, di Mario Bonnard, 1959

Il moralista, sceneggiatura, di Giorgio Bianchi 1959 Morte di un amico, soggetto, di Franco Rosi, 1959

Vacanze d’inverno, soggetto e sceneggiatura, di Camillo Mastrocinque, 1959 

Crimen, sceneggiatura, di Mario Camerini, 1960

Femmine di lusso, soggetto e sceneggiatura, di Giorgio Bianchi, 1960 

Genitori in blue-jeans, soggetto e sceneggiatura, di Camillo Mastrocinque, 1960 

Giuseppe venduto ai fratelli, sceneggiatura, di Irving Rapper, 1960

I piaceri del sabato notte, sceneggiatura, di Daniele D’Anza, 1960 

Maciste nella valle del re, soggetti e sceneggiature, di Carlo Campogalliani, 1960

Noi duri, soggetto e sceneggiatura, di Camillo Mastrocinque, 1960 

Gli invansori, soggetto e sceneggiatura, di Mario Bava, 196

Maciste alla corte del Gran Khan, soggetto e sceneggiatura, di Riccardo Freda, 1961

Maciste nella terra dei ciclopi, soggetto e sceneggiatura, di Antonio Leonviola, 1961

Marco Polo, soggetto e sceneggiatura, di Pietro Pierotti, 1961

Ponzio Pilato, sceneggiatura, di Gian Paolo Callegari, 1961

Canzoni di ieri, canzoni di oggi, canzoni di domani, soggetto e sceneggiatura, di Domenico Paolella, 1962

Le massaggiatrici, soggetto e sceneggiatura, di Lucio Fulci, 1962

Maciste all’inferno, sceneggiatura, di Riccardo Freda, 1962

Il mio amico Benito, soggetto e sceneggiatura, di Giorgio Bianchi, 1962

Il ponte dei sospiri, sceneggiatura, di Piero Pierotti, 1964

L’idea fissa, soggetto e sceneggiatura, di Gianni Puccini e Mino Guerrini, 1962

 

 

Teatro

 

Triangoli, di Dino Falconi e Oreste Biancoli, regia di Dario Niccodemi, Teatro Manzoni, Milano, 1930

La città delle lucciole, rivista di Dino Falconi e Oreste Biancoli, 1941

Ah… Ci risiamo!, rivista di Falconi e Biancoli, 1942

W e abbasso, di Biancoli e Riccardo Morbelli, regia di Biancoli, 1944 

Cantachiaro, rivista di Garinei e Giovannini, De Tuddo e Monicelli, regia di Oreste Biancoli, 1944

Cantachiaro 2, rivista di Garinei, Giovannini, De Tuddo e Monicelli, regia di Oreste Biancoli, 1945

Un anno dopo, testo e regia Oreste Biancoli, 1945 

Quo vadis?, rivista di Biancoli, Falconi e Vergani, 1948

Rosso e nero, rivista di Biancoli, Ciorciolini e Mantoni 1954

 

Varietà radiofonico RAI

 

Le memorie del signor Tal de Tali, varietà settimanale di Biancoli e Franco Monicelli, 1953

Da oggi a ieri, fantasia radiofonica di Oreste Biancoli e Franco Scaglia, regia di Riccardo Mantoni, 1965

 

 

Varietà televisivo RAI

 

Antologia del buonumore, testi di Biancoli, Falconi, Marcello Marchesi, Vittorio Metz, Scarnicci, Renzo Tarabusi, Silva, regia di Mario Landi, 1954