Lo Squadrone Bianco

 

 

Trama

 

Il tenente di cavalleria Ludovici, in seguito a una delusione amorosa con la fidanzata Cristiana, si arruola nel corpo militare dei Meharisti e si fa assegnare in Tripolitania italiana. Giunge al forte in sostituzione del Tenente Bettini, caduto valorosamente in battaglia. Qui deve vedersela con il capitano Sant’Elia, ufficiale dai modi duri,ma di grande esperienza del deserto. Quando giunge notizia della presenza di una banda di ribelli, il comando decide di inviare uno squadrone al loro inseguimento. La colonna, guidata dai due ufficiali, affronta una spedizione di molti giorni nel deserto profondo. Dopo il primo giorno di marcia il tenente Ludovici, smarrito dalle ostiche condizioni ambientali e dai suoi malinconici pensieri, subisce una severa reprimenda dal capitano, convinto che Ludovici sia solo un giovane viziato senza una vera vocazione militare. Nei giorni successivi la colonna, affrontando la penuria d'acqua e le tempeste di sabbia, prosegue l'inseguimento, e Ludovici, benché stremato e sofferente, resiste allo sforzo. Individuati e raggiunti i ribelli dopo una dura marcia a tappe forzate, viene ingaggiata un'aspra battaglia nella quale il capitano Sant’Elia ed il “mehari” El Fennek, attendente di Ludovici, restano uccisi. Sarà quindi Ludovici a guidare la colonna nella marcia di rientro alla base. Qui egli ritrova inaspettatamente Cristiana, giunta al forte con un gruppo di turisti, che si dichiara pentita di averlo lasciato e gli chiede di tornare con lei. Ma Ludovici rifiuta, rispondendo che ormai il suo posto è lì, al comando delle truppe nel deserto. Segue il ricordo del capitano Sant’Elia, le cui ultime volontà furono di essere sepolto nel deserto, da lui tanto amato.

 __________________________________________________________________________________________________

 

Lo squadrone bianco è tratto da un racconto pubblicato nel 1931 da Joseph Peyré, primo di una serie dedicata dallo scrittore francese alle avventure nel deserto (a L'Éscadron blanc, premiato in Francia con il Prix Renaissance, seguirono diversi altri romanzi, sino a Sahara nel 1955), del quale fu modificato il finale, dato che nel racconto il tenente protagonista muore durante la missione. Si trattò del primo film importante che Augusto Genina diresse al suo rientro in Italia dopo oltre dieci anni di lavoro cinematografico trascorsi in Germania e Francia. 

 __________________________________________________________________________________________________

 

 

 

Lo squadrone bianco fu insignito della Coppa Mussolini per il miglior film italiano, preferendolo a Cavalleria.

 

Dopo il riconoscimento veneziano, Lo squadrone bianco riscosse un grande successo non soltanto in Italia, dato che diventò in quel tempo uno dei film italiani più diffuso all'estero. Infatti, oltre alla Francia, dove il film, con una versione doppiata, restò ininterrottamente per sei mesi in visione in una sala cinematografica dei Champs Élysées , esso fu proiettato con riscontri positivi in Germania, a Londra, a Bruxelles, ad Oslo ed in due cinematografi di Tokio, oltre che in diversi Paesi dell'America Latina con forti comunità italiane. Il film fu distribuito dalla “Hesperia” anche negli  Stati Uniti e, in particolare a New York, esso restò per qualche tempo in cartellone in due sale di Broadway, ottenendo critiche favorevoli sul New York Times.Questi successi diedero modo a Freddi di vantare il nuovo corso del cinema italiano di cui era stato artefice, sostenendo che s’era «abbandonato il concetto mediocrista  di una produzione fatta esclusivamente in vista del ristretto mercato interno».

 

Lo squadrone bianco è diventato nel giudizio generale uno degli «eccellenti esempi di film di propaganda, in cui la retorica ideologica e politica era sorretta, e pertanto risultava particolarmente efficace, da uno stile di notevole forza drammatica». Il film di Genina «intendeva esaltare la dedizione e lo spirito di sacrificio degli ufficiali italiani che alle loro vicende private anteponevano amore per la patria e difesa delle terre conquistate d'Africa ». Terre che sono rappresentate « come un luogo vergine dove ci si può redimere e costruire una nuova vita»

 

 

Note cinematografiche:

 

Titolo: Lo squadrone bianco

 

Paese di produzione: Italia

 

Anno: 1936

 

Durata: 99 min

 

Colore: B/N

 

Audio: Sonoro

 

Genere: Drammatico

 

Regia: Augusto Genina

 

Sceneggiatura: Augusto Genina, Gino Valori, Gino Rocca

 

Produttore esecutivo: Eugenio Fontana

 

Casa di produzione: Roma Film

 

Fotografia: Anchise Brizzi, Massimo Terzano

 

Montaggio: Fernando Tropea

 

Musiche: Antonio Veretti

 

Scenografia: Guido Fiorini

 

Costumi: Vittorio Accornero de Testa

 

Attori:

 

Fosco Giachetti

 

Antonio Centa

 

Guido Celano

 

Olinto Cristina

 

Cesare Polacco

 

Nino Marchetti

 

Loris Gizzi

 

 

 

Bibliografia :

 

Francesco Savio: Cinecittà anni Trenta. Parlano 116 protagonisti 3 voll.). Bulzoni Editore, Roma, 1979.

 

AA.VV. Il cinema, grande storia illustrata (10 voll.) Istituito Geografico De Agostini Edit. Novara, 1981

 

Gianni Rondolino: Storia del Cinema UTET Edit. Torino, 1988. Sergio G. Germani, Vittorio Martinelli: Il cinema di Augusto Genina Ediz. Biblioteca dell'immagine. Udine, 1989