Download
Guido Notari.pdf
Documento Adobe Acrobat 72.1 KB

Guido Notari

 

(Asti 10 maggio 1893 – Roma 21 gennaio 1957)

 

 

Guido Notari, conduttore radiofonico e attore, negli anni venti inizia ad occuparsi di commercio fino a diventare direttore della Rinascente. Grazie alla sua voce chiara e senza cadenze dialettali, partecipa al concorso di annunciatore per EIAR, Ente Italiano per le Audizioni Radiofoniche, e viene assunto come capo annunciatore per la sede di Roma fino  al 1943, dove poi continuerà a lavorare per la RAI. Lavorerà a fianco di Vittorio Veltroni, Franco Cremascoli, Titta Artista, Francesco Sormano, Fulvio Palmieri, Vittorio Cramer, Mario Ferretti, Pia Moretti e altri. In seguito diviene la voce ufficiale a commento del cinegiornale Luce, e di documentari, fino agli anni ’50, e anche voce ufficiale di Settimana Incom, dal 1946 a poche settimane prima della sua morte. Inizia la carriera di  attore nel film Io suo padre, voluto fortemente dal regista Mario Bonnard. Reciterà sempre in piccole parti, per circa cinquanta pellicole. 

Nel film Una giornata particolare, di Ettore Scola, recita a fianco di Marcello Mastroianni, dove interpreta un annunciatore oppresso dal regime fascista a causa della sua omosessualità. Notari non era un radiocronista né un giornalista, ma un annunciatore, che leggeva i testi scritti da altri, e non eseguì la radiocronaca della visita  di Hilter a Roma, nel 1938, organizzata da Vittorio Veltroni, che coordinò un gruppo di radiocronisti dell’EIAR di Roma. E siccome la radiocronaca è andata perduta, il regista Scola, ha utilizzato un documentario dell’istituto Luce, commentato dalla voce di Notari.

 

 

Filmografia

 

Io, suo padre, di Mario Bonnard, 1939 Ballo al castello, di Max Neufeld, 1939

Una moglie in pericolo, di Max Neufeld, 1939

 

In campagna è caduta una stella, di Eduardo De Filippo, 1939

 

Piccolo hotel, di Piero Ballerini, 1939

Il sogno di Butterfly, di Carmine Gallone, 1939

 

Ricchezza senza domani, di Ferdinando Maria Poggioli, 1940

 Sissignora, di Ferdinando Maria Poggioli, 1940

 

La conquista dell’aria, di Romolo Marcellini, 1940 Mare, di Mario Baffico, 1940

 

Gli ultimi della strada, di Domenico Paolella, 1940 

Manon Lescaut, di Carmine Gallone, 1940

 

La danza dei milioni, di Camillo Mastrocinque, 1940 Ecco la radio!, di Giacomo Gentilomo, 1940

 

L’assedio dell’Alcazar, di Augusto Genina, 1940 Incanto di Mezzanotte, di Mario Baffico, 1940

 

La zia smemorata, di Ladislao Vajda, 1940 Notte di fortuna, di  Raffaello Matarazzo, 1941 

Don Buonaparte, di Flavio Calzavara, 1941Vertigine, di Guido Brignone, 1941

 

M.A.S., di Romolo Marcellini, 1942

 

Soltanto un bacio, di Giorgio Simonelli, 1942 Gioco pericoloso, di Nunzio Malasomma, 1942 Bengasi, di Augusto Genina, 1942 Signorinette, di Luigi Zampa, 1942

 

Cronache di due secoli, di Giovacchino Forzano, 1943 Grattacieli, di Guglielmo Giannini, 1943

 

Incontri di notte,di  Nunzio Malasomma, 1943

 Gente dell’aria, di Esodo Pratelli, 1943

 

Spie tra le eliche, di Ignazio Ferronetti, 1943 

Cortocircuito, di Giacomo Gentilomo, 1943

 

     

Piazza  Sepolcro, di Giovacchino Forzano, 1943 La casa senza tempo, di Andrea Forzano, 1943 Resurrezione, di Flavio Calzavara, 1944

 

I dieci comandamenti, di Giorgio Walter Chili, 1944 

Il fantasma della morte, di Giuseppe Guarino, 1946

 

Avanti a lui tremava tutta Roma, di Carmine Gallone, 1946 

Genoveffa di Brabante, di Primo Zeglio, 1947

 

Il corriere del re, di Gennaro Righelli, 1947