Download
Giovanni Boldini.pdf
Documento Adobe Acrobat 205.5 KB

Giovanni Boldini

(Ferrara, 31 dicembre 1842 – Parigi, 11 gennaio 1931)

 

 

Nasce ottavo di tredici figli, da Antonio e Benvenuta Caleffi. Nel 1858 frequenta a Ferrara corsi di pittura di Girolamo Domenichini, qui conosce i grandi quattrocentisti ferraresi, la sua prima opera è Il cortile della casa paterna. Nel 1862 si iscrive all'Accademia di Belle Arti di Firenze, ed è allievo di Stefano Ussi, e del cavalier Enrico Pollastrini, frequenta il noto Caffè Michelangelo, dove conosce Giovanni Fattori, Odoardo Borrani, Telemaco Signorini, e il critico d'arte del nascente movimento dei Macchiaioli Diego Martinelli. Diventa amico dei pittori Michele Gordigiani e Cristiano Banti del quale diventa ospite nelle sue ville Montorsoli e Montemurlo. Nel 1867 compie un viaggio in Francia con i Falconer a Montecarlo dipinge il Ritratto di Generale Spagnolo. Si stabilisce a Londra nel 1870, invitato da William Cornwallis West, conosciuto a Firenze, che gli mette a disposizione uno studio nel centro della città, frequentato dall'alta società ma alla fine dell'anno è nuovamente a Firenze. Nel 1871 si stabilisce a Parigi aprendo uno studio nell'avenue Frochol e poi a Place Pigalle dove risiede con la modella Berthe. Nel 1874 espone con successo al Salon di Parigi Le Lavandaie. La relazione con Berthe termina ed inizia una nuova relazione con la contessa Gabrielle de Rasty della quale espone un ritratto al Salon nel 1875, ritorna a Ferrara a causa della morte della madre. Nel 1876 viaggia in Germania dove conosce il pittore Adolph von Menzel. Il 5 febbraio 1887 assiste al Teatro alla Scala di Milano alla prima dell'Otello di Verdi, ricevendo in dono lo spartito. Nel 1889 viene nominato commissario della sezione italiana all'Esposizione Universale di Parigi, esponendovi tre suoi ritratti, tra i quali il Ritratto di Emiliana Concha de Ossa, nipote dell'ambasciatore cileno. Nel 1892 torna in Italia, a Montorsoli, ospite del Banti, per soddisfare la richiesta del Museo degli Uffizi di un suo Autoritratto, che esegue in cambio di una copia del busto Berniano del Cardinale dè Medici. Nella primavera del 1900 è ospite a Palermo della Famiglia Florio, per eseguire il Ritratto di Donna Franca, il cui ritratto non soddisfa il marito Ignazio a causa dell'ampia scollatura e delle gambe scoperte poco sotto il ginocchio. Modificato, il ritratto, dopo il dissesto finanziario, fu acquistato nel 1928 dal barone Rothschild per un milione di lire. Rubato da nazisti, il quadro subì gravi danni tanto che fu necessario tagliarlo nella parte inferiore. Nel 1904 prende in sposa Alaide Banti, figlia dell'amico pittore Cristiano, ma il matrimonio sfuma e a Parigi il Boldini avvia una nuova relazione con la signora de Joss de Couchy.

Con l'inizio della guerra, nel 1914 si trasferisce a Nizza, ormai malato e con la vista indebolita.

Nel 1926 conosce la giornalista Emilia Cardona, che sposa il 29 ottobre del 1929. Muore a Parigi l'11 gennaio 1931. 

 

Boldini e la critica

 

 «…se un cosa gli amatorio nei ritratti del Boldini, è la freschezza del colorito e per l'appunto è questa freschezza è la qualità che meno apprezziamo in quest'artista. Mentre la fattura larga e facile ci piace, il colore continuamente bello e lucido ci stanca; in natura, i colori belli di per se stessi non vi sono, ma paiono tali per il giusto contrapposto con gli altri, il fare i colori più belli della natura è far falso e convenzionale insieme»

 (Signorini, 1867) 

 

«Giovanni Boldini incarna il genio vibrante e facile, la maestria posta sempre meglio al servizio del piacere dei sensi, l'artista della decadenza estrema dotato di parecchi fra gli espedienti che vennero ignorati dai maestri italiani delle grandi epoche» 

(Blanche, 1944) 

 

«I suoi ritratti sono condotti con un'esecuzione spedita, sciolta di tocco e di bravura, che rivela abbondanza di doni nativi ma troppo spesso devia verso una facilità di cattiva lega» 

(Brizio, 1944)

 «Era un artista ultra chic, in suo modo particolare, specialmente quando ritraeva lungiformi signore dell'alta società internazionale che appaiono dipinte come sotto un vetro traslucido. Esperto di quel mondo e della letteratura francese che lo ha rappresentato, interpretava molto bene la più alta eleganza femminile in un'epoca in cui era anche troppo rivestita dagli artifici dei sarti e delle modiste, figurativamente legata in pose ambigue che stanno tra il salotto e il teatro. Ma quei ritratti hanno un forte potere d'incanto rivelano spontanee e sicure doti di pittore.»

(Berenson, 1958) 

 

 

Opere

 

Il cortile della casa paterna, 1855, olio su tavola, 27 x 30 cm, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Autoritratto giovanile, 1856-1858, olio su cartone, 16,5 x 13,5 cm, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Ritratto di Lilia Monti nata contessa Mangni, 1864 – 1865, olio su tela, 67 x 53 cm, Ferrara Museo Giovanni Boldini

 

Autoritratto mentre osserva un quadro, olio su tela, 1865, olio su tela, 32 x 22 cm, Firenze, Galleria d'Arte moderna di Palazzo Pitti

 

Ritratto di Enea Vendeghini, 1865, olio su cartone, 18 x 14 cm, Ferrara Museo Giovanni Boldini

 

Fattori nel suo studio, 1865 olio su tavola, 13 x 24 cm, Milano Banca Commerciale Italiana

 

L'amatore delle arti, 1856 – 1866, olio su tela, 32 x 47 cm, Roma, Galleria Nazionale d'arte moderna e contemporanea

 

Il pittore Cristiano Banti con canna da passeggio e sigaro, 1865 – 1866, olio su tela, 57 x 33 cm, Firenze, Galleria d'arte Moderna di Palazzo Pitti

 

Ritratto di Lionetto Banti bambino, 1866, olio su tela, 44 x 22 cm, Firenze, Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti

 

Ritratto di Alaide Banti in abito bianco, 1866, olio su tela, 43 x23 cm, Firenze, Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti

 

Ritratto di Diego Martelli, 1867, olio su tela, 14 x19 cm, Firenze, Galleria d'arte moderna di Palazzo Pitti

 

Il Generale Esteban Josè Andrès de Saravalle de Assereto, 1867, olio su tela, 61 x 48 cm, Valdagno collezione Marzotto

 

Marina, 1868, tempera su muro staccata parete est della sala della Villa La Falconiera, 245 x 420 cm, Pistoia, Musei Antico Palazzo dei Vescovi

 

Pagliaio, 1868, tempera su muro staccata dalla parete ovest della sala della Villa La Falconiera, 205 x 122 cm, Pistoia, Musei Antico Palazzo dei Vescovi

 

Palme e aranci, 1868, tempera su murao staccata dalla parete sud della sala da pranzo della Villa La Falconiera, 247 x 127 cm, Pistoia, Musei Antico Palazzo dei Vescovi

 

Contadina che raccoglie biancheria, 1868, tempera su muro staccata dalla parete sud della sala da pranzo della Villa La Falconiera, 247 x 125 cm, Museo Antico Palazzo dei Vescovi

 

Le sorelle Laskaraki, 1869, olio su tavola, 14 x 22 cm, Ferrara, museo Giovanni Boldini

 

Ritratto di Mary Donegani, 1869, olio su tavola, 40 x 25 cm, Viareggio, collezione privata

 

L'isola di San Giorgio a Venezia, 1872, olio su tela, 33 x 46 cm, Collezione privata

 

Attraversando la strada, 1873, olio su strada, 46 x 37 cm, Williamstown, Sterling and Clark Art Institute

 

Gossip, 1873, olio su tavola, 17 x 24 cm, New York Metropolitan Museum of art

 

Coppia in abito spagnolo con due pappagalli

 

Strada maestra a Combes la Ville, 1873, olio su tela

 

Conversazione, 1873, olio su tavola, New York Metropolitan Museum of art

 

Morning Stroll (passeggiata mattutina), 1873, 24 x 34 cm olio su tavola

Place Clichy, 1874, olio su tela, 60 x 98

 

La senna a Bougival, 1874, olio su tavola, 21 x 16

 

Le Lavandaie, 1874, olio su tavola, 32 x 51

 

Berthè, in giardino, 1875, olio su legno, 23 x 19

 

La passeggiata estiva, 1874, olio su tela, 55 x 34

 

Nel Giardino, 1875 olio su legno, 23 x 19, Londra National Gallery

 

Periferia parigina, 1875 circa, olio su tavola, 15 x 26

 

Il giovane marchese, 1875, olio su tela, 31 x 17

 

Attraversando la strada, 1875, olio su tavola, 45 x 37

 

Uscita da un ballo mascherato, 176, olio su tela, 33 x 46, Ferrara, museo Giovanni Boldini

 

Due Cavalli bianchi, 1876, olio su tela, 153 x 122, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Due figure in maschera (dopo il veglione), 1878, olio su tela, 960 x 40, Lugano, Butterfly Institute Fine Art

 

La contessa Gabrielle de Rasty seduta sul divano, 1878, olio su tela, 147 x 115 cm, Busto Arsizio

 

Il dispaccio, 1879 circa, olio su tavola, 42 x 34 cm, New York, Metropolitan Museum of Art

 

Il giornalaio (strillone parigino), 1880 circa, olio su tavola, 47 x 29 cm, Napoli, Museo Nazionale di Capodimonte

 

Casa in costruzione, 1880 circa, olio su tavola, 18 x 27 cm

 

Omnibus a Place Pigalle, 1882, olio su tavola, 18 x 27 cm

 

Il maestro Emanuele Muzio sul podio, 1882, olio su tela, 27 x 22 cm, Milano, Casa di Riposo per Musicisti Fondazione Giuseppe Verdi

 

Ritratto di Henri de Rochefort- Luçay, 1882, olio su tela, Parigi, Museo d'Orsay

 

Alice Regnault a cavallo (L'amazzone), 1883 circa, olio su tela, 70 x 59 cm, Milano, civica Galleria D'arte Moderna

 

Notturno a Montmartre, 1883 circa, olio su tela, 128 x 135 cm, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Cantata mondana, 1884 circa, olio su tela, 61x 64 cm, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Ritratto di Giuseppe Verdi seduto, 1886, olio su tela, 122 x 87 cm, Milano, Casa di Riposo per Musicisti Fondazione Giuseppe Verdi

 

Carro con Cavalli alla porta D'Asnières, 1886 circa, olio su tela, 70 x 100 cm, Firenze, Galleria d'arte Moderna di Palazzo Pitti

 

Ritratto di Emiliana Concha de Ossa detto Pastello bianco, 1888, pastello su tela, 200 x 100 cm, Milano Pinacoteca di Brera

Ritratto della contessa de Leusse, nata Berthier, 1889, olio su tela, 170 x 59 cm

 

La colonnade a Versailles, 1889, olio su tela, 64 x 52, Pistoia

 

Mercato delle erbe a Verone, 1890, Olio su tavola, 35 x 27 cm

 

Il pittore John Lewis Brown con moglie e figlia, 1890, olio su tela, 120 x 145, Lisbona, Museo Calouste Gulbenkian

 

Ritratto del piccolo Subercaseaux, 1891, olio su tela, 179 x 98 cm, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Autoritratto a Montorsoli, 1892, olio su tela, 56 x 36 cm, Firenze, Galleria degli Uffizi, corridoio Vasariano

 

Lady Colin Campbell, 1894, olio su tela 184 x 120 cm, Londra National Portrait Gallery

 

Ritratto di Madame Charles Max, 1896, olio su tela, 205 x 100 cm, Parigi, museo d'Orsay

 

La cornice dorato, 1896 olio su tavola, 35 x 22 cm

 

Ritratto di Madame Veil – Picard, 1897, olio su tela, 198 x 100 cm

 

La cornice dorata (interno dello studio dell'artista), 1896, olio su tavola, 35 x 22 cm

 

Un angolo della mensa del pittore, 1897, olio su tavola, 116 x 38 cm Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Robert de Montesquiou, 1897, olio su tela, 116 x 82, Parigi, museo d'Orsay

 

Il ritorno dei dragoni, 1898, olio su tela, 75 x 57 cm

 

S. A. R. La principessa Eulalia di Spagna, 1898, olio su tela, 202 x101 cm, Ferrara, museo Boldini

 

Il busto del Cardinale del Bernini nello studio del pittore, 1899, olio su tela 55 x 46, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Canale a Venezia con gondole, 1899 – 1913, olio su pannello, 35 x 27, cm, Milano, Gallerie di piazza Scala, Fondazione Cariplo

 

Clèo de Mérode, 1901, olio su tela, 97 x 81 cm

 

Miss Bell, 1903, olio su tela, 205 x10 cm, Genova, Museo Villa Grimaldi Fassio Raccolte Frugone

 

Ritratto di Madame Marthe Régnier, 1905, olio su tela, 231 x 120

 

Ritratto della contessa Zichy, 1905, olio su tavola, 27 x 35 cm

 

Rose in un vaso di Sassonia, 1906, olio su tavola, 27 x 35

 

Ritratto di Mademoiselle Lanthèlme, 1907, olio su tela, 231 x 121 cm, Roma, Galleria Nazionale d'arte moderna e contemporanea

 

La marchesa Luisa Casati con un levriero, 1908, olio su tela, 235 x 141 cm

 

La passeggiata al Bois de Boulogne, 1909, olio su tela, 128 x 118 cm Ferrara, museo Giovanni Boldini

 

Ritratto di Madame Eugène Doyen, 1910, olio su tela, 224 x 112

 

La signora Lying, 1911, olio su tela, 175 x 108 cm

 

Autoritratto a sessantanove anni, 1911, olio su tela, 105 x 97 cm, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Ritratto della marchesa Luisa casati con penne di pavone, 1911 – 1913, olio su tela, Roma, Galleria nazionale d'arte Moderna e contemporanea

 

La Signora in rosa, Ritratto di Olivia de Subercaseaux Concha, 1916, olio su tela, 163 x 113 cm

Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

Lady Michelham, 1917, 210 x 112 cm

 

Ritratto di Emilia Cadorna, 1928, olio su tela, 40 x 56, Ferrara, Museo Giovanni Boldini

 

 

Bibliografia

 

T. Signorini, L'esposizione di Belle arti della società d'incoraggiamento in Firenze in “Il Gazzettino delle arti e del disegno”, 1867

 

A. Soffici, Italiani all’estero. Boldini, in “La Voce”, 18 marzo, 1909

 

F. De Pisis, Una visita a Giovanni Boldini, in “Corriere Padano”, 1925

 

J. E. Blanche, Portraits féminins de Boldini, in “L’Illustration française”, 1931

 

E. Cardona, Vie de Jean Boldini, Figuière, Parigi, 1931

 

U. Ojetti, Boldini, in “Corriere della Sera”,  1931

 

A. Cecioni, Opere e scritti, a cura di E. Somaré, Edizioni d’Arte moderna L’Esame, Milano, 1932

 

M. Tinti, Giovanni Boldini ante Parigi, “Emporium”,  1934

 

E. Cardona, Lo Studio di Giovanni Boldini, Rizzoli, Milano, 1937

 

E. Piceni, Ritratto della marchesa. Un perito d’arte nega che si tratti di un Boldini, in “Corriere d’Informazione”, 1943

 

A. M. Brizio, Ottocento - Novecento, Utet, Torino, 1944

 

E. Piceni, Per colpa del pittore la bimba fu bocciata, in “Corriere d’Informazione”, 1949

 

E. Cardona, Boldini nel suo tempo, Daria Guarnati, Milano, 1951

 

D. Cecchi, Giovanni Boldini, Unione tipografico-editrice torinese, Torino, 1962

 

E. Cardona, R. De Grada e E. Piceni, Boldini, Il Torchietto, Milano, 1966

 

E. Camesasca, L’opera completa di Boldini, introduzione di C. L. Ragghianti, Rizzoli, Milano, 1970

 

D. Prandi, Catalogo dell’opera incisa di Giovanni Boldini, Reggio Emilia, 1970

 

S. Bartolini, Giovanni Boldini. Un macchiaiolo a Collegigliato, Il Torchio, Firenze, 1981

 

E. Piceni, Boldini. L’uomo e l’opera, Bramante, Milano, 1981

 

V. Doria, Boldini inedito, Grafis, Bologna, 1982

 

P. Dini, Boldini Macchiaiolo, Umberto Allemandi, Torino, 1989

 

A. Buzzoni e M. Toffanello, Museo Giovanni Boldini. Catalogo generale completamente illustrato, ed. Ferrara Arte, Ferrara, 1997

 

T. Panconi, Giovanni Boldini. L’uomo e la pittura, Pacini Editore, Pisa, 1998

 

M. M. Lamberti, La Maison Goupil e gli artisti italiani, in catalogo della mostra, Livorno, 1998-99

 

T. Panconi, La Falconiera, un villino sulla via di Parigi, in: “Antologia dei Macchiaoli: la trasformazione

sociale e artistica nella Toscana di metà Ottocento”, Pacini Editore, Pisa, 1999

 

B. Doria, Catalogo generale degli archivi Boldini, Rizzoli, Milano, 2000

 

G. Belli, Impressionisti? No grazie!, in catalogo della mostra, Trento, 2001

 

A. Borgogelli, Boldini a cavallo di due secoli, in catalogo della mostra, Trento, 2001

 

F. Dini, In margine al centenario della scomparsa dell’insigne compositore: Boldini e Verdi, in “Nuova Antologia”, vol. 587, fascicolo 2220, Firenze, 2001

 

F. Dini-P.Dini, Giovanni Boldini (1842/1931). Catalogo ragionato, Umberto Allemandi, Torino, 2002

 

T. Panconi, G. Boldini. L’opera completa, Edifir, Firenze, 2002

 

F. Dini, Dalla “macchia” alla Belle Epoque: il geniale virtuosismo di Boldini, in catalogo della mostra, Padova, 2005

 

F. Mazzocca, Il genio inafferrabile di Boldini e la sua discussa fortuna, in catalogo della mostra, Padova, 2005

 

T. Panconi, Giovanni Boldini, un geniale antipatico, in “L’Ottocento, indagini etiche ed estetiche per il collezionista d’arte”, Pisa, 2005

 

F. Dini, Boldini e gli “artisti italiani di Parigi”, in catalogo della mostra, Roma, 2009-10

 

Bianca Doria, Giovanni Boldini. Catalogo Generale dei Disegni, Skira, Milano, 2011

 

N. Colombo, Belle Epoque. La Parigi di Boldini, De Nittis e Zandomeneghi, in catalogo della mostra, Milano, 2015-16

 

T. Panconi, S. Gaddi, Giovanni Boldini. Genio e pittura. Ediz. a colori, Skira, Milano, 2017