Ettore Manni

( Roma, 6 maggio, 1927 - 27 luglio 1979 )

 

 

Orfano di madre sin dalla nascita, venne notato dal regista Luigi Comencini, che rimase colpito da questo studente universitario fuori corso, bello e prestante, e lo fece esordire nel 1952 come protagonista del film La tratta delle bianche, accanto a dive come Eleonora Rossi Drago, Silvana Pampanini, Tamara, Lees ed una giovanissima Sophia Loren. In quel film, il nome di Manni comparirà nei titoli di testa prima di quelli di Vittorio Gassman ed Enrico Maria Salerno.

Da allora per Manni iniziò una stagione intensa e ricca di successi, che lo portò a diventare un attore notissimo del cinema italiano degli anni cinquanta. L'attore romano spaziò dai ruoli drammatici che caratterizzarono il suo esordio - Le amiche di Michelangelo Antonioni, La lupa di Alberto Lattuada - a commedie - Poveri ma belli di Dino Risi, dove è Ugo, Il fidanzato di Giovanna (Marisa Allasio), Ladro lui, ladra lei di Luigi Zampa, film in cui interpretò il commerciante che redime Cesira(Sylva Koscina) sottraendola al ladro Cencio (Alberto Sordi, ) Marisa la civetta, Susanna tutta panna, Marisa Allasio - a peplum - La rivolta dei gladiatori di Vittorio Cottafavi, La rivolta degli schiavi di Nunzio Malasomma - fino ai western all'italiana - Johnny Oro di Sergio Corbucci, Un uomo, un cavallo, una pistola di Luigi Vanzi e molti altri con la regia dello specialista Demofilo Fidani.                  Col passare del tempo il fascino di Manni fini non più quello degli esordi,m si era appesantito, ma nonostante ciò continuo a lavorare in vari pellicole in vari ruoli di caratterista, o di antagonista negativo, perdendo definitivamente l’immagine di aitante ed affascinante protagonista degli anni cinquanta e sessanta.  Negli settanta inizia con varie presenze fisse in film polizieschi all’italiana, oltre ad interpretare svariati ruoli in diverse pellicole erotiche. Venne diretto da registi di primo piano come Luigi Magni, Mario Soldati, Delmer Daves, Andrè Versini, Tony Richardson, Alberto Bevilacqua, Duccio Tessari, Tonino Cervi, Ettore Scala, Damiano Damiani, Gianni Serra e Carlo Lizzani. Girò anche diversi film per la televisione, in particolare Orlando furioso di Luca Ronconi nel 1974, Il nero muove di Gianni Serra (1977) e Circuito chiuso di Giuliano Montaldo nel 1978. La sua ultima preparazione artistica la più significativa è del 1979 nel film La città delle donne, di Federico Fellini, dove interpretò lo spregevole Katzone. Questo lungometraggio uscirà nelle sale l’anno successivo, dopo la tragica scomparsa di Manni; mentre puliva un fucile, un colpo partito forse per errore lo ferì ad una gamba e l’attore morì dissanguato. Le esatte circostanze non furono chiarite, né si potè appurare se si fosse trattato di suicidio o indici dente Manni fu sposato con l’attrice francese Mireille Granelli, che aveva lavorava con lui in Ursus il terrore dei Krghisi dalla quale ebbe una figlia.  

 

Filmografia

 

1952/ La tratta della bianche, regia di Luigi Comencini 

 

1952/  Fratelli d’Italia, regia di Fausto Saraceni 

 

1952/ I tre corsari, regia di Mario Soldati 

 

1953 / Cavalleria rusticana, regia di Carmine Gallone

 

1953/ La lupa, regia di Alberto Lattuada

 

1953/ Attila, regia di Pietro Francisci

 

1953 / Il più comico spettacolo del mondo, regia Mario Mattoli

 

1953 / Yalis la vergine del Rancador, regia Francesco De Robertis 

 

1954/ Tua per la vita, regia di Sergio Grieco

 

1954/ Due notti con Cleopatra, regia di Mario Mattoli

 

1954/ Siluri umani, regia di Carlo Lizzani, Antonio Leonvilla 

 

1954/ La nave delle donne maledette, regia di Raffaello Matarazzo

 

1954/ Divisione Folgore, regia di Duilio Coletti

 

1955/ Le amiche, regia di Michelangelo Antonioni

 

1955/ Addio sogni di Gloria, regia di Giuseppe Vari

 

1955/ Agguato sul mare, regia di Pino Mercanti

 

1955/ Bella non piangere!, regia di David Carbonari

 

1956/ Donne sole, regia di Vittorio Sala

 

1956/ Dimentica il mio passato, regia di Primo Zeglio

 

1957/ Addio per sempre, regia Mario Costa

 

1957/ Poveri ma belli, regia di Dino Risi

 

1957 / Marisa la civetta, regia di Mauro Bolognini

 

1957/ Susanna tutta panna, regia di Steno

 

1958/ Ladro lui, ladra lei, regia di Luigi Zampa

 

1958/ La rivolta dei gladiatori, regia di Vittorio Cottafavi

 

1958 / Ballerina e Buon Dio, regia di Antonio Leonviola

 

1959 / Napoleone ad Austrerliz, regia di Abel Gance 

 

1960 / La rivolta degli schiavi, regia di Nunzio Malasomma 

 

1960/  La legioni di Cleopatra, regia di Vittorio Cottafavi

 

1960/ Il sepolcro dei re, regia di Fernando Cerchio

 

1961 / Ercole alla conquista di Atlantide, regia di Vittorio Cottafavi

 

1961/ A porte chiuse, regia di Dino Risi

 

1961/ Le vergini di Roma, regia di Carlo Ludovico Bragaglia

 

1962/ I normanni, regia di Giuseppe Vari

 

1962/ Ursus il terrore dei Kirghisi, regia Antonio Margheriti

 

1964/ I giganti di Roma, regia di Antonio Margheriti

 

1965/ Accade un’estate, regia di Delmer Daves

 

1966/ … e il diavolo ha riso, regia Tony Richardson

 

1966/ Johnny oro, regia di Sergio Corbucci

 

1966/ L’arcidiavolo, regia di Ettore Scola

 

1967/ Un uomo, una pistola, un cavallo, regia di Luigi Vanzi

 

1967/ Straniero… fatti il segno della croce, regia di Demofilo Fidani

 

1967/ L’indomabile Angelica, regia di Bernard Borderie

 

1967/ Ed ora… Raccomanda l’anima a Dio, regia di Demofilo

 

1969/ La battaglia di El Alamein, regia di Giorgio Ferroni

 

1969/ Sono Sartana, il vostro Becchino, regia di Giuliano Carnimeo

 

1970/ Inginocchiati straniero… i cadaveri non fanno ombra, regia di Demofilo Fidani

 

1970/ Arrivano Django e Sartana … e la fine, regia di Demofilo Fidani

 

1970/ Incontro d’amore, regia di Paolo Heusch, Ugo Liberatore

 

1970/ Mazzabubù, Quanto corna stanno quaggiù?, regia di Marino Laurenti

 

1973/ Valdez, il mezzosangue, regia di John Sturges e Duilio Coletti

 

1973/ Anna quel particolare piace, regia di Giuliano Carnimeo

 

1973/ Tony Arzenta, regia di Duccio Tessari

 

1973/ Li chiamavano i tre moschettieri ….. invece erano quattro, regia di Silvio Armadio 

 

1974 / Fatti di gente perbene, regia di Mauro Bolognini

 

1974/ Cani arrabbiati, regia di Mario Bava

 

1975/ … a tutte le auto delle polizia, regia di Mario Caiano

 

1975 /  La peccatrice, regia  di Pier Luigi Pavoni 

 

1975/ Divina creatura, regia di Giuseppe Patron Griffi

 

1976/  La madama, regia di Duccio Tessari

 

1976/ Poliziotti violenti, regia di Michele Massimo Tarantini

 

1976/ Oh! Serafina, regia di Alberto Lattuada

 

1976/ Attenti al Buffone, regia di Alberto Bevilacqua 

 

1976/ Gli esecutori, regia di Maurizio Lucidi

 

1977/ Il nero muove, regia di Gianna Serra

 

1977/ La malavita attacca… la polizia risponde, regia di Mario Caiano

 

1977/ Il nome del Papa Re, regia di Luciano Ercoli 

 

1978/ Il furto della Gioconda, regia di Renato Castellani

 

1978/ Circuito chiuso, regia di Giuliano Montaldo

 

1978/ Sella d’argento, regia di Lucio Fulci

 

1978/ Il commissario di ferro, regia di Stelvio Massi 

 

1979/ Il malato immaginario, regia di Tonino Cervi 

 

1979/ Un uomo in ginocchio, regia di Damiano Damiani

 

1979 / Le città delle donne, regia di Federico Fellini