Domenico Paolella

(Foggia, 18 ottobre 1915–Roma,7 ottobre 2002) 

 

 

 

Inizia come sceneggiatore e aiuto regista, esordì negli anni trenta con diversi film di carattere popolare e musicale (musicarelli). Dal 1935 al 1937, vince i premi annuali dei Littoriali della cultura e dell'arte, nella sezione film sperimentali; nel secondo conflitto mondiale venne inviato come corrispondente nel fronte russo, nel dopoguerra viene nominato direttore artistico e redattore, del settimanale di cronache e di attualità la Settimana Incom, realizzando centinaia di servizi sia in Italia che all'estero, occupandosi anche di documentari, tra cui La tragedia dell'Etna, che vincerà il premio di categoria al Festival di Cannes. Dagli anni cinquanta si dedicò al cinema musicale e genere mitologico, non tralasciando il cinema sullo spionaggio internazionale e western.

 

Filmografia

 

 

Scipione l'Africano (1937), aiuto regia

 

Gli ultimi della strada (1939), regia

 

L'ebbrezza del cielo (1940), soggetto

 

Trepidazione (1946), sceneggiatura

 

Un ladro in paradiso (1951), regia

 

Canzoni di mezzo secolo (1952), regia

 

Canzoni, canzoni, canzoni (1953), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Gran varietà (1953), sceneggiatura e regia

 

Rosso e nero (1954), regia

 

Il coraggio (1955), regia

 

Destinazione Piovarolo (1955), regia

 

Canzoni di tutta Italia (1955), regia

 

San Remo canta (1956), regia

 

Non sono più guaglione (1958), regia

 

Destinazione Sanremo (1959), soggetto, sceneggiatura e regia

 

I pirati della costa (1960), regia

 

Madri pericolose (1960), sceneggiatura e regia

 

I Teddy boys della canzone (1960), regia

 

Il segreto dello sparviero nero (1961), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Maciste contro lo sceicco (1961), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Il terrore dei mari (1961), regia

 

Canzoni di ieri, canzoni di oggi, canzoni di domani (1962), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Le prigioniere dell'isola del diavolo (1962), sceneggiatura e regia

 

Il giustiziere dei mari (1962), sceneggiatura e regia

 

Ursus gladiatore ribelle (1963), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Ercole contro i tiranni di Babilonia (1964), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Maciste contro i mongoli (1964), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Maciste nell'inferno di Gengis Khan (1964), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Golia alla conquista di Bagdad (1964), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Il gladiatore che sfidò l'impero (1965), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Agente S03 operazione Atlantide (1965, soggetto, sceneggiatura e regia

 

Odio per odio (1967), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Il raggio infernale, regia di Gianfranco Baldanello (1967), sceneggiatura

 

Il sole è di tutti (1968), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Execution (1968), soggetto, sceneggiatura e regia

 

La ragazza del prete (1970), sceneggiatura e regia

 

Le monache di Sant'Arcangelo (1973), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Storia di una monaca di clausura (1974), soggetto, sceneggiatura e regia

 

La preda (1974), soggetto, sceneggiatura e regia

 

Caccia al montone (1975), sceneggiatura

 

La polizia è sconfitta (1977), sceneggiatura e regia

 

Gardenia, il giustiziere della mala (1979), regia

 

Belli e brutti ridono tutti (1979), regia

 

Berlino '39 (1992), soggetto e sceneggiatura

 

Body Puzzle (1992), soggetto

 

Alto rischio (1993), sceneggiatura

 

La chance (1994), soggetto e sceneggiatura