Adolfo Celi

(Curcuraci prov. di Messina, 27 luglio 1922 – Siena, febbraio 1986)

 

 

Figlio di Giuseppe Celi, prefetto e Senatore, e di Giuliana Mondello. Adolfo Celi cresce tra la Sicilia e il Nord Italia; fra sue residenze c’è anche Padova. Grazie ad una cinepresa amatoriale regalatagli dal padre, inizia così a sperimentare varie tecniche di ripresa. Nel 1942 si iscrive all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’amico” di Roma. Qui conosce Vittorio Gassman, Mario Landi e Vittorio Caprioli, che gli trasmettono la passione per il teatro e per il cinema. Nel 1946 viene scritturato per il film Un Americano in Vacanza di Luigi Zampa, cui seguono due anni dopo Proibito Rubare, Natale al campo 119, lo stesso anno riceve una proposta di Aldo Fabrizi di partecipare al film Emigrantes. Partito per il Brasile con il cast di Emigrantes, si innamora di questa terra, tanto che decide di rimanerci per i suoi successivi quindici anni, complice l’amore per Tonia Carrero, che sarà sua moglie dal 1951 al 1963 . In Brasile la coppia si occupa soprattutto di teatro, fondando con Paulo Autran il Teatro Brasilero de Comèdia di San Paolo e la compagnia di prosa Carrero-Celi-Autran; nello stesso tempo la produzione cinematografica Vera Cruz gli affida la regia del film Caiçara e Tico-Tico no Fubà. In Basile Celi inizia anche una carriera di caratterista cinematografico, recitando nei film L’uomo di Rio; Agente 007 - Thunderball: Operazione tuono. Rientrato nei primi anni sessanta, trova un cinema molto diverso da quello che aveva lasciato e in pieno sviluppo. Si specializzerà nelle parti del cattivo, sia nei film western o d’azione sia, con una certa autoironia, nelle commedie, dove interpreta frequentemente personaggi malvagi o potenti. A 45 anni è tra pochi attori italiani che sappiano recitare anche in inglese, e grazie alla bravura e alla preparazione professionale viene ingaggiato come protagonista e comprimario in numerosi film internazionali, tra cui: Il Tormento e l’Estasi; Gran Prix; Il Colonello Von Ryan; Masquerade; Il Fantasma della LibertàNel 1969 esce l’unico film italiano da lui diretto, realizzato con i suoi compagni d’Accademia Vittorio Gassman e Luciano Lucignani, l’autobiografico L’Alibi. In Italia il culmine del successo arriva quando entra a far parte del cast della trilogia Amici Miei nei panni del Professor Sassaroli, un primario brillante ma annoiato dal lavoro che si unisce alle allegre “zingarate” di un gruppo di amici fiorentini.

Nel 1972 diretto da Daniele Lanza interpreta il medico nazista nello sceneggiato Rai Il Sospetto, oltre a vestire i panni del poliziotto Italo-Americano Joe Petrosino nello sceneggiato omonimo, mentre tre anni dopo interpreta Don Mariano D’Agrò nello sceneggiato L’amaro Caso della Baronessa di Carini. Il suo volto viene fissato nella memoria del pubblico italiano però con la partecipazione alla miniserie televisiva Sandokan, diretta da Sergio Sollima, in cui interpreta il ruolo di Lord James Brooke, acerrimo nemico della Tigre di Mompracen, interpretata da Kabir Bedi. Nel 1981 prende parte al Kolossal storico televisivo inglese I Borgia, in cui interpreta la parte di Rodrigo Borgia, salito al solito pontificio come Papa Alessandro VI. Adolfo Celi è stato spostato tre volte, con Tonia Carrero dal 1951 al 1963, Marìlìa Branco dal 1946 al 1965 e con Veronica Lazar dal 1966 al 1986. Con Veronica Lazar ha avuto due figli: Alessandra, attrice teatrale, televisiva e cinematografica e Leonardo, autore del documentario Adolfo Celi, un uomo per due culture, realizzato nel 2006 per ricordare il padre a vent’anni dalla scomparsa e presentato nel 2008 alla Festa del Cinema di Roma nell’ambito della rassegna organizzata dalla Fondazione Ente dello Spettacolo Adolfo Celi e i Ragazzi Tornati dal Basile. Leonardo Celi è sposato con la brasiliana Daniela Carrecas ed è Amministratore della Società Celi film con sede a Roma.

 

 

Filmografia

 

Un americano in vacanza, regia di Luigi Zampa (1946)

La città dei ragazzi, regia di Luigi Comencini  (1947)

Natale al campo 119, regia di Pietro Francisci (1947)

Proibito rubare, regia di Luigi Comencini (1948)

Emigrantes, regia di Aldo Fabrizi (1949)

Caiçara, regia di Adolfo Celi, Tom Payne e John Waterhouse  (1950)

Tico –Tico no Fubà , regia di Adolfo Celi (1952)

Le Belle Famiglie, regia di Ugo Gregoretti (1964)

L’uomo di Rio, regia di Philippe De Broca (1964)

Tre notti d’amore, regia di Renato Castellani, Luigi Comencini, e Franco Rossi (1964)

Il colonello von Ryan, regia di Mark Robson (1965)

Rapina al sole, regia di  Jaques Deray (1965)

Il tormento e l’estasi, regia di Carol Reed (1965)

El Greco, regia di Luciano Salce (1965)

E venne un uomo, regia di Ermanno Olmi (1965)

Yankee, regia di Tinto Brass (1966)

Le piacevoli notti, regia di Armando Crispino e Luciano Lucignani (1966)

Gran Prix, regia di John Frankenheimer (1966)

Colpo maestro al servizio di Sua Maestà britannica, regia di Michele Lupo (1967)

Tutti pazzi meno io, regia di Philippe de Broca (1967)

Ok Connery, regia di Alberto De Martino (1967)

Masquerade, ( 1967 )

Trio a segno per uccidere, regia di Manfred R. Kohler (1967)

Ad ogni costo, regia di Giuliano Montaldo (1967)

Il magnifico Bobo ( 1967 )

Sentenza di morte, regia di Mario Lanfranchi (1967)

Dalle Ardenne all’inferno, regia di Alberto De Martino (1967) 

La donna, il sesso e il superuomo, regia di Sergio Spina (1968)

Uno scacco tutto matto, regia di Roberto Fizz (1968)

La morte bussa due volte, regia di Harald Philipp (1968)

Diabolik, regia di Mario Bava (1968)

Sette volte, regia di Michele Lupo (1968)

L’alibi, regia di Adolfo Celi, Vittorio Gasman e Luciano Lucignani (1969)

Il colpo era perfetto, ma…, regia di Alf Kjellin (1969)

Un detective, regia di Romolo Guerrieri (1969)

Io, Emmanuelle, regia di Cesare Canevari (1969)

Alla ricerca di Gregory, regia di Peter Wood (1969)

Appuntamento con disonore, regia di Adriano Bolzoni (1970)

Frammenti di paura, regia di Richard C. Sarafian (1970)

L’uomo venuto da Chicago, regia di Yves Boisset (1970 )

Brancaleone alle crociate, regia di Mario Monicelli (1970)

Hanno cambiato faccia, regia di Corrado Farina

Una chica casi decente, regia di Germàn Lorente (1971)

I terrificanti delitti degli assassini della Via Morgue, regia di Gordon Hessler (1971)

L’occhio nel labirinto, regia di Mario Caiano (1972)

Terza ipotesi su un caso di perfetta strategia criminale, regia di Giuseppe Vars (1972)

Fratello sole, sorella luna, regia di Franco Zeffirelli  (1972)

Chi l’ha vista morire?, regia di Aldo Lado (1972)

Ragazza tutta nuda assassinata nel parco, regia di Alfonso Brescia (1972)

La mano lunga del padrino, regia di Nardo Bonomi (1972)

La mala orina, regia di Fernando Di Leo (1972)

La villeggiatura, regia di Marco Leto (1973)

Tre per una grande rapina, regia di Serge Leroy (1973)

Gli ultimi 10 giorni di Hitler, regia di Ennio De Concini (1973)

Il sorriso del grande tentatore, regia di Damiano Damiani (1973)

Pizza pulita, regia di Luigi Vanzi (1974)

…E poi, non ne rimase nessuno, regia di Peter Collinson (1974)

Il venditore di palloncini, regia di Mario Gariazzo (1974)

Libera, amore mio, regia di Mauro Bolognini (1975)

Amici miei, regia di Mario Monicelli  (1975)

Come una rosa la naso, regia di Franco Rossi (1975)

Uomini si nasce poliziotti si muore, regia di Ruggero Deodato (1976)

La moglie di mio padre, regia di Andrea Bianchi (1976)

L’affittacamere, regia di Mariano Laurenti (1976)

Febbre da cavallo, regia di Steno (1976)

Signore e signori, buonanotte, regia di Luigi Comencini, Nanni Loy, Luigi Magni, Monicelli, Ettore Scola (1976)

Il prossimo uomo, regia Richard C. Sarfian (1976)

Genova a mano armata, regia di Mario Lanfranchi (1976)

Il genio, regia di Claude Pinoteau (1976)

Che notte quella notte, regia di Ghigo De Chiara (1977)

Viaggio di paura, regia di Serge Leroy (1977)

L’uomo di Corleone, regia di Duilio Coletti (1977)

Le braghe del padrone, regia di Flavio Mogherini  (1978)

Indagine su un delitto prefetto, regia di Giuseppe Rosati (1978)

Professor Kranz, tedesco di Germania, regia di Luciano Salce (1978)

Cafè Express, regia di Nanni Loy (1980)

Innamorato pazzo, regia  di Castellano e Pipolo (1981)

Monsignor, regia di Frank Perry (1982)

Amici miei, Atto II, regia di Mario Monicelli (1982)

Cenerentola ‘80, regia di Roberto Malenottti (1984) 

Il giocatore invisibile, regia di Sergio Genni (1985)

Amici miei, Atto III, regia di Nanni Loy (1985)

 

 

Film Tv

 

1969 – Operazione Ladro (Telefilm)

1970 – Finale di partita (Film TV)

1972 – Il sospetto (sceneggiatore Televisivo)

1972- Joe Petrosino (miniserie TV)

1975 – L’amaro caso della Bornessa di Carini 

1976 – Sandokan (Serie TV)

1979 – L’altro Simenon (Serie TV) 

1981 – I Borgia (Serie TV)

1982 – La sconosciuta (Serie TV)

1982 – L’occhio di Guida (Serie TV) 

1985 – Aeroporto Internazionale

1987 – Due Assi per un Turbo (Serie TV) 

 

 

E' stato doppiato da: 

 

Renato Turi in Yankee; Colpo maestro al servizio di Sua Maestà Britannica; Dalle Ardenne all'inferno; La donna, il sesso e il superuomo; Sentenza di morte; Sette volte sette; La morte bussa due volte; La mano lunga del padrino; Fratello Sole, sorella luna; Pane burro e marmellata.

 

Roberto Villa in Ragazza tutta nuda assassinata nel parco; Appuntamento col disonore 

 

Ubaldo Lay in Proibito rubare 

 

Manlio Busoni in Tormento e l'estasi 

 

Riccardo Cucciola in Ok Connery

 

Emilio Cigoli in Diabolik

 

Arturo Dominici in Piazza Pulita

 

Glauco Onorato in Indagine su un delitto perfetto

 

Antonio Guidi in La mala ordina